É con grande piacere che proponiamo un nuovo articolo della dottoressa Maria Calò, nutrizionista e le sue pillole di benessere. Buona lettura!!

Nel “Kastha-Upanishad”, scritto rilevante per la filosofia dell’Ayurveda, si dice “nel carro che chiamiamo corpo, l’anima è l’occupante, l’intelletto il cavaliere, la mente le redini… quindi il carro (corpo) deve essere in buona salute; solo allora il cavaliere (intelletto) può controllare i cavalli (sensi) per mezzo delle redini (mente)”.

Ma non è solo la medicina indiana a dirci quanto sia importante curare il corpo – io azzarderei “la pancia” – per influenzare positivamente il nostro vivere, e ahimè di questo noi donne ne sappiamo qualcosa. Ciclicamente vittime di complessi meccanismi ormonali, assumiamo atteggiamenti e aspetti sempre differenti, i quali ci portano anche a fare delle precise scelte alimentari ignorando il fatto che nella maggior parte dei casi è proprio una dieta scorretta ad accentuare ancora di più i nostri disagi.

Ogni ormone, infatti, può essere visto come una goccia d’acqua che in un mulino prende parte ad una vera e propria cascata, al cui vertice possiamo collocare il nostro modo di mangiare e a valle vari distretti del nostro organismo. Tuttavia questo non deve essere visto come un fattore limitante, quanto piuttosto una nostra caratteristica che ci rende mutevoli e quindi quasi sempre rinnovabili e adattabili. Ogni alimento in base al periodo mestruale per la donna, o in generale a seconda delle fasi della vita, se consumato in determinati momenti della giornata, può apportare benefici o meno. Molte volte desideriamo degli alimenti particolari proprio per delle esigenze endocrine e metaboliche: i bambini ad esempio non amano i vegetali specie se crudi perché il loro sistema digerente non è ancora totalmente pronto per questo:  piuttosto che forzarli andrebbero abituati ed educati gradualmente durante la loro crescita. Gli adolescenti, invece, cercano la carne e le uova vista la loro aumentata necessità proteica per irrobustirsi in linea con la spinta degli ormoni sessuali, e così via via che si cresce le preferenze di uomo e donna a tavola diventano sempre più caratterizzanti riflettendo le esigenze del nostro organismo.

Ovviamente la linea tra desiderio e reale bisogno è davvero sottile, è per questo che insieme impareremo ad ascoltare i segnali del nostro corpo, a conoscerci e riconoscere cosa c‘è nei nostri piatti.

A presto!

benessere-2